Quando la criptozoologia ispira il mondo del cinema