Rettili e Anfibi.
#3940
Io sapevo (ma non so quanto c'è di vero) che hanno abbandonato i tentativi di reintroduzione per manifesta incapacità dell'ambiente ad ospitare questa specie. Fortuna vuole che l'axolotl non sia in pericolo di estinzione come specie, nel senso che sono allevati e riprodotti in tutto il mondo (e riprodurli è facilissimo, li trovi a 5 euro). Quel che duole è che abbiamo devastato un ambiente.
#4903
El Diablo ha scritto:Non si potrebbero introdurre altrove? Qualche altro lago non inquinato.
L'Axolotl viveva solo in due laghi: Xochimilco e Chalco.
Il Chalco è stato da lungo tempo completamente drenato per ridurre il rischio di esondazioni e lo Xochimilco come lago vero e proprio non esiste più. Tutto ciò che resta sono una serie di canali e le celebri chinampas, isole artificiali risalenti all'era Azteca.

Oltre alla distruzione dello habitat, ciò che ha causato l'estinzione dello Axolotl allo stato naturale non è per assurdo stato l'inquinamento, ma un programma che ha introdotto carpe e tilapie per controllare le ninfee introdotte dal Brasile nella prima metà del XX secolo.
Le carpe, per chi non lo sapesse, sono uno dei pesci in assoluto più dannosi per un ecosistema poiché devastano il fondale alla ricerca di cibo ed i loro escrementi contengono moltissima materia vegetale non composta. Questo porta ad un intorbidimento delle acque, alla riduzione della flora autoctona e ad un aumento delle alghe. La tilapia, invece, è un vorace onnivoro che, come spesso capita, mangia tutto meno quello che è stata introdotta per combattere. In questo caso le uova dell'axolotl.

Diciamo che è una buona ragione per non tentare introduzioni strane...
#4906
Ho uno stagno con carpe e ninfee...e non mi sembra che si odino a vicenda.

Comunque l'idea che esista solo in cattività non mi piace...anche perchè in cattività rischia di accoppiarsi solo tra consanguinei.
#4907
El Diablo ha scritto:Ho uno stagno con carpe e ninfee...e non mi sembra che si odino a vicenda.

Comunque l'idea che esista solo in cattività non mi piace...anche perchè in cattività rischia di accoppiarsi solo tra consanguinei.
E la situazione può essere monitorata, almeno tra le popolazioni mantenute da enti ed istituzioni serie per scopi di conservazione e ricerca medica.
Per fare un esempio l'intera popolazione di criceto dorato, che con l'axolotl condivide la popolarità presso laboratori di ricerca e gli appassionati di animali domestici, discende da un solo maschio e due femmine, che per giunta erano tutti membri della stessa cucciolata. Ci sono due popolazioni di criceti che derivano da alcuni esemplari "riscoperti" in Siria negli anni '90 (una a Bethesda negli USA e l'altra a Francoforte in Germania) ma vengono tenute accuratamente separate dai "comuni" criceti proprio per mantenere i loro geni più vicini alla originale forma selvatica.

Per quanto riguarda le carpe... come spesso accade l'animale introdotto mangia tutto fuorché quello che deve mangiare. Tipico esempio sono le manguste (Herpestes javanicus) introdotte sull'isola caraibica di St Croix per sterminare i ratti che minacciavano le locali piantagioni di canna da zucchero. I ratti li hanno lasciati stare ma si sono mangiate iguane, lucertole, uccelli... : Wink :
#4908
In generale devo dare ragione a Mauro: l'introduzione deliberata di specie in nuovi ambienti va fortemente sconsigliata.
Diversi esempi dimostrano, appunto, che esistono troppi fattori su cui l'uomo non ha il minimo controllo.
#5878
https://www.zooplus.it/magazine/acquari ... ci/axolotl
: Sad : Rischia l'estinzione è classificato come gravemente minacciato. : Love : La squadra del professore Dr Zambrano sta cercando di creare degli stagni per allevare i Ambystoma mexicanume per impedire così l'estinzione. : Love :
https://simple.wikipedia.org/wiki/Axolotl
Rischiano l'estinzione a causa dell'inquinamento del lago e per la introduzione di pesci come La tilapia africana e la carpa asiatica che mangiano i giovani axolotl; Gli a axolati da adulti rimangono allo stato larvale questo è un esempio di neotenia

: Thumbup : https://www.zooplus.it/magazine/acquari ... ci/axolotl
Vengono allevati negli acquari come animali domestici

https://it.wikipedia.org/wiki/Ambystoma ... %20Messico.
Allo stato selvatico rischia l'estinzione. : Sad : Nel 2014 si credeva estinto, ma sono stati trovati in vendita nei mercati dei pescatori, : Thumbup : vuol dire che i locali sanno dove trovarli, così con la classificazione gravemente minacciato è stato protetto. : Love :
: Love : Questa è una buona notizia ed è anche incoraggiante perché dà la speranza a molte specie che dopo essere stai creduti estinti possono ritornare. Il Ambystoma_mexicanum nel 2014 gli scienziati lo avevano classificato come estinto perché non se ne vedevano più. : Eeek : Poi nei mercati locali sono stati scoperti e quindi protetti : Love : . Gli scienziati andavano a cercarlo sempre nei luoghi da loro conosciuti, ma le popolazioni locali li conoscevano anche in altre zone. : Wink : Come, se, io fossi convinto e conoscesse solo un determinato territorio in cui vivono i miei parenti, a un certo punto spariscono e mi convinco che sono morti e non ne ho più. Continuo ad andare sempre in quel luogo sperando di incontrare un nipote, ma non lo trovo. Poi scopro in modo causale, dopo anni, che ho altri parenti a 200 chilometri più in là e rimango sorpreso. : Wink :