Insetti, Aracnidi e Miriapodi.
da cranyc
#800
L'entomologo Enzo Moretti ha detto che le farfalle non hanno colore proprio; sono le scaglie che riflettono la luce e li trasformano in colori. Funzionano come il prisma. Le scaglie servono per far scivolare la farfalla dalla presa dei predatori. Per esempio: i ragni, i loro predatori naturali, costruiscono le ragnatele per catturare le prede. Quando una farfalla vi fenisce dentro, le scaglie la fanno scivolare dalla trappola e riesce a salvarsi. Le scaglie delle ali servono anche come pannelli solari. Questi insetti non hanno calore corporeo, quindi devono scaldarsi al sole. Per vivere devono raggiungere una temperatura corporea di 36 gradi e per funzionare, quindi volare, devono raggiungere una temperatura corporea di 40 gradi. Quindi le scaglie assorbono calore. L'entmologo Enzo ha detto che i disegni sulle ali come per esempio: quelli che raffigurano gli occhi di una civetta per spaventare i predatori, sono fatti spesso con il pigmento. C'è molto da scoprire ancora sulle farfalle. Queste notizie le ho sentito a Geo e Geo, del giorno 25 Aprile 2011
da LeonidasJoker
#806
SÌ, avevo già sentito dire di questa cosa delle scaglie riguardo ai colori, ma non alla termoregolazione.
da cranyc
#4753
Famiglia della papilionidae
Il giorno 20/07/2015, ho visto in campagna nel comune di Picinisco provincia di Frosinone per la prima volta la swallowtail della famiglia della papilionidae.
Il 18 di Agosto 2015 ho visto vicino casa sempre per la prima volta il papilio machaon. Questa mattina anche ho visto il papilio machaon in campagna sempre nel comune di Picinisco provincia di Frosinone. Queste due specie di farfalle sono riuscito a identificarle grazie al libro guida degli insetti d'Europa Atalante illustrato a colori di Michael Chinery Franco Muzio editore. Uno dei rappresentanti della famiglia papilionidae è il macaone, papilio machaon (tavole 32 e 44). La sottospecie inglese papilio machaon britannicus è limitata alle regioni paludose, mentre la forma continentale papilio machaon gorganus, che capita occasionalmente nel sud est dell'Inghilterra, viene trovata nei prati, nei boschi e sulle pendici montuose. In questa famiglia le zampe anteriori sono completamente sviluppate in entrambi i sessi e le etremità delle antenne sono curvate verso il basso ed il margine interno delle ali posteriori è nettamente concavo e con una sola venatura anale. La pupa è di tipo succinto e rimane appesa alla pianta ospite grazie sia al cremaster sia alla cintura. Nel continente europeo si trovano molte altre specie di questa famiglia, come l'apollo, Parnassius apollo tav.32, sui pendii delle montagne.
Ultima modifica di cranyc il 03/09/2015, 17:40, modificato 7 volte in totale.
da cranyc
#4754
La famiglia dei nymphalidae
Il 16 luglio 2015 ho visto l'Atlanta vanessa atalanta, in campagna nel comune di Picinisco provincia di Frosinone. sempre A luglio di quest'anno lo vista vicino casa è una farfalla stupenda.
Sono riuscito a identificarle grazie al libro guida degli insetti d'Europa Atalante illustrato a colori di Michael Chinery Franco Muzio editore.
Un'altra famiglia di farfalle diurne piuttosto numerosa (una settantina di specie in Europa) è quella dei nymphalidae (tav.33). Tutte le specie sono contrassgnate in modo molto vistoso e molte presentano scaglie argentate sulla superficie inferiore delle ali. Come nelle due precedenti famiglie, i danaidae e i satyridae le zampe anteriore sono ridotte, ma solo nei maschi sono simili a spazzole. In alcune specie la struttura delle zampe anteriori è quasi l'unico carattere che permette di distinguere i sessi. Le antenne sono nettamente clavate.
Sia le larve tav.44 che le pupe sospese sono piuttosto spinose; queste ultime presentano spesso delle macchioline dai riflessi metallici. La famiglia include alcune specie migrante ben note, come l'Atlanta (Vanessa atalanta) e cynthya cardui. Quest'ultima è probabilmente la più grande migratrice ed è certamente una delle farfalle diurne a più ampia distribuzione. Arriva in Europa giugno, dopo essere sfarfellata nell'Africa settentrionale o nell'Europa nel mese di agosto, ma questi insetti non riescono a sopravvivere all'inverno. Molti di essi muoiono, ma alcuni si dirigono a sud e raggiungono l'Africa, dove si sviluppa un'altra generazione pronta per la migrazione primaverile verso il nord. Vi è una situazione simile in Nord America, dove Cyndia cardui migra dal Messico al Canada e viceversa. Parecchi ninfalidi, comprese alcune specie di Nymphalis e la vanessa (io inachis io), ibernano come adulti ed è da rilevare che questi insetti hanno le parti inferiori molto scure (tav. 33) Ciò è in accordo con l'abitudine di nascondersi in angoli oscuri durante l'inverno. Incredibile che l'Atlanta, la cyndia cardui riescono ad attraversare il mare Mediterraneo; il cyndia cardui del nuovo mondo riesce ad andare dal Messico al Canada. Farfalle che raggiungono pochi millimetri di lunghezza e spesso come un foglio di carta riescono a fare dei viaggi lunghissimi. Sono rimasto sorpreso che l'Atlanta o Vanessa vada in letargo. Pensavo che le farfalle morivano durante l'inverno.