Teoria, progetti, segnalazioni, avvisi e pensieri a ruota libera.
da Mauri
#3686
"Il mondo non è pronto per sapere cosa c'è la sotto".Questa la risposta che il celebre Cousteau diede ai giornalisti che volevano sapere cosa avesse attaccato e distrutto la grande gabbia di acciaio che l'esploratore aveva calato in acqua a largo dell'Africa Occidentale nel tentativo di attirare un calamaro gigante.L'esca,la carcassa di un cammello,attirò qualcosa di gigantesco.Ma nessuno sa di cosa si trattasse.Tranne Cousteau,che vide le riprese e ne rimase sconvolto,tanto da tenere segreto il filmato.Cosa c'era là sotto?Un enorme calamaro o qualcos'altro?E dove è finito questo video?

Si e' mai saputo qualcosa di piu' preciso circa questa vicenda? Di certo Cousteau non era tipo da aver bisogno di pubblicit'a,quindi fatico a credere che sia tutta una messa in scena..deve aver per forza di cose filmato qualcosa di incredibile li' sotto..
#3688
Ciao,
qual è la fonte originale di questa notizia? Il fatto di mettere una carcassa di cammello in una gabbia per attirare calamari giganti mi sembra una pratica piuttosto surreale
#3689
Lorenzo Rossi ha scritto:Ciao,
qual è la fonte originale di questa notizia? Il fatto di mettere una carcassa di cammello in una gabbia per attirare calamari giganti mi sembra una pratica piuttosto surreale
E' uno dei grandi misteri che girano intorno a Jacques Cousteau e, quasi sicuramente è un mito, che però è presente in vari sapori.

La versione originale dice che Cousteau, dopo un'immersione in sottomarino nel Lago Tahoe, abbia pronunciato la fatidica frase, per poi chiudersi nel totale silenzio. Leggenda vuole che abbia trovato un "cimitero" di uomini uccisi e fatti sparire dalla mafia, perfettamente conservati dalle rigide temperature del lago.
Qualcuno ha cercato nei registri di Cousteau ed il celebre esploratore mai si recò sul Lago Tahoe. Sui libri su e di Cousteau che possiedo non c'è alcun riferimento a questa specifica spedizione.
Un nipote di Cousteau, Philippe, guidò una spedizione in questo lago nel 2002 ma, da quanto ne so, non se ne uscì mai con una frase del genere e non ha riportato nulla di anomalo.

Personalmente sospetto che il mito sia di recente creazione: nel 2011 nel Lago Tahoe, alla profondità di circa 100 metri, venne trovato il corpo perfettamente conservato di un subacqueo scomparso nel 1994. E questo è il primo ingrediente.
Il secondo ingrediente è che nel film Il Padrino: Parte II, Michael Corleone fa gettare il suo amico divenuto traditore Fredo proprio in questo lago. : Wink :
#3690
Un simile comportamento (che a mio giudizio sa troppo di cliché cinematografico) mi sembra alquanto improbabile da parte di Cousteau, sempre così attento alla divulgazione attraverso libri, documentari e riviste delle sue scoperte: se avesse davvero trovato qualcosa di eccezionale, perché non mostrarlo?
#3691
Rispondendo a Lorenzo,la fonte di tale notizia in realta' non la conosco,lessi di questa cosa in un'altro forum di criptozoologia qualche tempo fa' ed ho cercato di approfondire la questione...in realta' questa storia di Cousteau la conosco da anni,ma la versione che sapevo io era un po' diversa da questa,ossia che durante una spedizione nella Fossa delle Marianne,Cousteau ed i suoi rilevarono grazie all'ausilio dei sonar una massa di enormi proporzioni muoversi ad una propfondita' di 650/700 metri...esclusero potesse trattarsi di un cetaceo in quanto la velocita' era troppo elevata,l'unico cetaceo in grado di raggiungere quella velocita' poteva essere solamente un'orca o un delfino,ma ritennero la cosa improbabile per via della grandezza dell'animale che stando alle loro stime doveva superare abbondantemente i 10 metri di lunghezza..come dicevo in precedenza,ho cercato per diverso tempo di approfondire la questione ma l'unica cosa che sono riuscito a trovare e' questa http://sharkattack.e-monsite.com/pages/ ... steau.html ma avendo io "gravi" problemi con il francese sono riuscito a capirci ben poco..

A margine di tutto cio',vi racconto un simpatico aneddoto...nel lontano 1997 ebbi il piacere e la fortuna di conoscere la grande Valerie Tayler durante una mostra sugli squali fatta a Roma,piu' precisamente in zona Piazza del Popolo,a fine serata riusci' a conoscerla di persona,con grande emozione essendo lei una delle biologhe marine piu' famose del mondo,considerando la passione che ho per questi splenditi predatori,e mi racconto' un fatto che capito' a lei ed al marito mentre erano in escursione con la loro barca nella Azzorre per filmare la fauna marina del posto,,mi disse che avvistarono uno squalo bianco che misurava dalla pinna dorsale alla pinna caudale la bellezza di 28 piedi,il che lascia presupporre che l'animale avesse una lunghezza stimata intorno ai 10 metri,quello per lei fu' l'unico avvistamento di un bianco di quelle dimensioni,questo per dire che ad oggi nessun biologo marino che io conosca se la sente di escludere il fatto che lo squalo bianco possa raggiungere una lunghezza maggiore dei 7,14 metri dello squalo pescato a Malta nell'87 (la Taylor mi disse in realta' che lunghezza esatta erano 6,78 metri) e che ad oggi e' ritenuto l'esemplare piu' grandi accertato dall'uomo..
Ultima modifica di Mauri il 18/10/2013, 21:58, modificato 1 volta in totale.
#3692
LeonidasJoker ha scritto:Un simile comportamento (che a mio giudizio sa troppo di cliché cinematografico) mi sembra alquanto improbabile da parte di Cousteau, sempre così attento alla divulgazione attraverso libri, documentari e riviste delle sue scoperte: se avesse davvero trovato qualcosa di eccezionale, perché non mostrarlo?
Rispondendo alla tua domanda,ammesso e concesso che tutta questa vicenda sia vera,mi verrebbe da formulare due ipotesi sul perche' sia tutt'oggi un segreto...la prima e' perche' magari una notizia sul ritrovamento di qualche bestione che magari si credeva estinto avrebbe potuto scatenare la caccia ai fantasmi e creare una psicosi di massa rischiando,magari,di mettere a repentaglio la sopravvivenza dell'animale stesso....oppure,seconda ipotesi,qualcuno ha vietato a Cousteau di diffondere il video per chissa' quali motivi...
#3694
Mauri ha scritto: A margine di tutto cio',vi racconto un simpatico aneddoto...nel lontano 1997 ebbi il piacere e la fortuna di conoscere la grande Valerie Tayler durante una mostra sugli squali fatta a Roma,piu' precisamente in zona Piazza del Popolo,a fine serata riusci' a conoscerla di persona,con grande emozione essendo lei una delle biologhe marine piu' famose del mondo,considerando la passione che ho per questi splenditi predatori,e mi racconto' un fatto che capito' a lei ed al marito mentre erano in escursione con la loro barca nella Azzorre per filmare la fauna marina del posto,,mi disse che avvistarono uno squalo bianco che misurava dalla pinna dorsale alla pinna caudale la bellezza di 28 piedi,il che lascia presupporre che l'animale avesse una lunghezza stimata intorno ai 10 metri,quello per lei fu' l'unico avvistamento di un bianco di quelle dimensioni,questo per dire che ad oggi nessun biologo marino che io conosca se la sente di escludere il fatto che lo squalo bianco possa raggiungere una lunghezza maggiore dei 7,14 metri dello squalo pescato a Malta nell'87 (la Taylor mi disse in realta' che lunghezza esatta erano 6,78 metri) e che ad oggi e' ritenuto l'esemplare piu' grandi accertato dall'uomo..
Non so come pronunciarmi sull'episodio, ma è curioso il fatto che a parlare di squali bianchi di 10-12 metri siano stati spesso i balenieri portoghesi delle Azzorre, che li avrebbero avvistati durante le loro cacce al capodoglio e in un'occasione ne avrebbero addirittura arpionato uno.
#3789
Mauri ha scritto:
LeonidasJoker ha scritto:Un simile comportamento (che a mio giudizio sa troppo di cliché cinematografico) mi sembra alquanto improbabile da parte di Cousteau, sempre così attento alla divulgazione attraverso libri, documentari e riviste delle sue scoperte: se avesse davvero trovato qualcosa di eccezionale, perché non mostrarlo?
Rispondendo alla tua domanda,ammesso e concesso che tutta questa vicenda sia vera,mi verrebbe da formulare due ipotesi sul perche' sia tutt'oggi un segreto...la prima e' perche' magari una notizia sul ritrovamento di qualche bestione che magari si credeva estinto avrebbe potuto scatenare la caccia ai fantasmi e creare una psicosi di massa rischiando,magari,di mettere a repentaglio la sopravvivenza dell'animale stesso....oppure,seconda ipotesi,qualcuno ha vietato a Cousteau di diffondere il video per chissa' quali motivi...
Oppure è un segreto semplicemente in quanto non sarebbe vero...