Teoria, progetti, segnalazioni, avvisi e pensieri a ruota libera.
#4546
Ciao , riguardo a questo caso avvenuto se non erro negli anni 50 e messo in risalto dalla Domenica del Corriere , secondo voi è possibile che fosse coinvolta una lontra particolarmente aggressiva ? Posto , naturalmente , che le lontre esistono o esistevano in Sicilia tempo fa , e che il caso in oggetto sia avvenuto nei pressi di un corso d'acqua . Poichè nel Pollino si parla di serpenti baffuti che altro non sono se non lontre scambiate dai contadini per serpenti , mi chiedevo se questo simpatico mustelide , oltre ad una abbondante dose di fantasia popolare e/o stampa scandalistica dell'epoca , abbia dato vita a questo episodio...... Voi che ne dite ? Valerio.

http://ecx.images-amazon.com/images/I/41fVt6wBFcL.jpg
#4557
La lontra non vive in Sicilia, né vi era presente negli anni Cinquanta. Uno studio condotto in tutta la penisola nel 1971-1973 da Cagnolaro, Rosso, Spagnesi e Venturi per il Laboratorio di Zoologia Applicata alla Caccia (oggi Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, di Ozzano nell'Emilia), pubblicato nel 1975 e condotto attraverso un'inchiesta a livello provinciale, ne ha escluso la presenza, peraltro non accertata neanche da Toschi (1965). Bisogna risalire a Minà Palumbo (1868) per trovarne la segnalazione presso Catania, nel fiume Anapo (SR), nelle Madonie e nel fiume Imera settentrionale. Anche secondo Cavazza (1911) non era più catturata da molti anni. Van den Brink, nella sua guida ai mammiferi d'Europa (1955), la pone anche nell'isola, ma senz'altro in base a queste notizie storiche e l'edizione italiana del 1969 non la riporta in Sicilia.
#4563
C'è un piccolo twist letterario...
Tra gli anni 50 e 70 Rizzoli pubblicò l'edizione italiana di una serie originariamente pubblicata da Aldus Book in Gran Bretagna.
Tra questi libri ve ne era uno dedicato alla "criptozoologia". Contenuti zero, ma con innumerevoli illustrazioni, molte di grande formato e di elevata qualità.
Tra queste ve ne erano diverse dedicate ai vari Serpegatti e Tatzelwurm del folklore europeo. Il mio volume lo ho prestato anni fa e non mi è più tornato indietro (però ho ancora tra gli altri quello su medium scriventi e non scriventi! : Chessygrin : ) ma mi sembra chiaramente di ricordare l'immagine di un Serpegatto intento ad aggredire un animale domestico... in una postura molto simile a quella dell'illustrazione de La Domenica del Corriere e con tanto di paesano sorpreso/terrorizzato sullo sfondo. : Wink :
Anche se ad onore del vero l'artista che aveva realizzato l'immagine per Aldus era decisamente più abile. : Chessygrin :

Non è mistero che il periodico in questione le sparasse veramente grosse. E non è che variassero poi tanto: la storia sul "diavolo di tre metri" che avrebbe aggredito la coppia appartatasi in auto la avrò letta con minime variazioni almeno tre volte nella mia infanzia. : Wink :