Messaggi inerenti agli animali terrestri.
#5322
Per gli egizi propendo per l'esemplare isolato :D

Anche se i greci avevano sicuramente sentito parlare dagli sciti delle isole dell'artico*, quell'isola è troppo lontana.

Certo, sarebbe potuto arrivare comunque (non inviato direttamente) come regalo di qualcun'altro (i siberiani avevano contatti con la cina che avevano contatti col medio oriente che avevano contatti con l'egitto :D) ma è improbabile.

Più facile un esemplare particolare :D

Mi riferisco al mito di Hiperborea, che si troverebbe a nord della siberia, avrebbe sole 6 mesi all'anno e la cerva di hiperborea avrebbe le corna, che solo le femmine delle renne ce l'hanno tra i cervidi :D
#5325
El Diablo ha scritto:
07/09/2017, 11:52
Per gli egizi propendo per l'esemplare isolato :D

Anche se i greci avevano sicuramente sentito parlare dagli sciti delle isole dell'artico*, quell'isola è troppo lontana.

Certo, sarebbe potuto arrivare comunque (non inviato direttamente) come regalo di qualcun'altro (i siberiani avevano contatti con la cina che avevano contatti col medio oriente che avevano contatti con l'egitto :D) ma è improbabile.

Più facile un esemplare particolare :D

Mi riferisco al mito di Hiperborea, che si troverebbe a nord della siberia, avrebbe sole 6 mesi all'anno e la cerva di hiperborea avrebbe le corna, che solo le femmine delle renne ce l'hanno tra i cervidi :D
Questo particolare delle corna era già stato notato da Robert Graves, che nel suo I miti greci proponeva una base simile per la storia di Eracle e la Cerva di Cerinea.
#5327
Io però schiatto ogni volta che leggo "triplice dea" e del libro di Graves leggo solo i miti e non i commenti :D

Uno dei libri più dannosi della storia dell'umanità, ancora se leggi wikipedia (non dico altri siti) è pieno di citazioni alla triplice dea ovunque :D
#5335
El Diablo ha scritto:
09/09/2017, 4:39
Io però schiatto ogni volta che leggo "triplice dea" e del libro di Graves leggo solo i miti e non i commenti :D

Uno dei libri più dannosi della storia dell'umanità, ancora se leggi wikipedia (non dico altri siti) è pieno di citazioni alla triplice dea ovunque :D
Lo so, lo so bene. Almeno gli va riconosciuto di essere stato abbastanza coerente nelle sue idee, anche se non proprio ortodosso.
#5404
Ciao a tutti

Ho letto l'articolo con molto interesse perchè avevo letto diverse notizie e visto alcuni filmati su internet riguardanti la possibile esistenza del mammut ancora ai giorni nostri. Sapevo che gli ultimi dovrebbero essersi estinti circa 4000 anni fa perciò la sua sopravvivenza sarebbe una cosa molto probabile. Le notizie che avevo letto e soprattutto i filmati non mi convincevano o erano in maniera evidente dei falsi. Con questo articolo ho più chiarezza sulle effettive informazioni che esistono sulla sua sopravvivenza. Ora mi appare molto più chiaro come effettivamente sia molto improbabile.
La sua estinzione rimane in ogni caso un mistero dato che l'ambiente e gli spazi dove potrebbe vivere ci sono ancora.

Stefano
#5406
Stefano.Tosarini ha scritto:
01/11/2017, 13:02
La sua estinzione rimane in ogni caso un mistero dato che l'ambiente e gli spazi dove potrebbe vivere ci sono ancora.
Non tieni conto dei predatori (l'uomo, almeno all'epoca)
#5408
El Diablo ha scritto:
01/11/2017, 15:26
Stefano.Tosarini ha scritto:
01/11/2017, 13:02
La sua estinzione rimane in ogni caso un mistero dato che l'ambiente e gli spazi dove potrebbe vivere ci sono ancora.
Non tieni conto dei predatori (l'uomo, almeno all'epoca)
Fin quando non mi verranno mostrati dei middens pieni di ossa megafaunali e non qualche occasionale esemplare con tracce di macellazione, io sarò sempre molto scettico riguardo all'idea dei cacciatori umani causa dell'estinzione di massa del Quaternario, che a me puzza molto di pigrizia mischiata con politica.
#5659
https://www.criptozoo.com/approfondimen ... ealt%C3%A0
Mi affascina il bardia, che è stato fotografato nel Nepal nel 1992, perchè somiglia all'elefante preistorico Elephas hysudricus l'antenato del mammuth e degli attuali elefanti!! Vorrei sapere se esistono ancora e se sono protetti!
Mi affascina anche l'elefante asiatico perchè da piccolo presenta una folta pelliccia che ricorda il mammuth!
Tutti cerchiamo il mammuth vivente; (Elephas maximus) l'elefante asiatico è un discendente del mammuth. In pratica il mammuth non si è mai estino si è semplicemente evoluto diventando l'odierno elefante asiatico. Si è trasformato forse a causa del cambiamento climatico. L'era glaciale se dovesse ritornare, l'elefante asiatico (Elephas maximus) si evolverebbe di nuovo e tornerebbe a essere il mammuth coperto di peli per resistere al freddo e ad avere enormi zanne per rompere il ghiaccio.
Come disse una volta Alberto Angela a Quark gli animali conservano tutti i geni del passato quindi non si sono mai estinti ma trasformati.
Lo dice anche l'etologo Lorenz Konrad nel suo libro destino e natura. Lo dice Charles Darwin quando parla dell'evoluzione.
http://dinopedia.wikia.com/wiki/Elephas_hysudricus
Potete vedere le somiglianze del Elephas_hysudrindicus immagine ricostruita con il bardia nella foto
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di cranyc il 24/07/2018, 1:24, modificato 5 volte in totale.