Messaggi inerenti agli animali acquatici.
#5600
Più che "mostro" userei il vecchio termine coniato da Ivan Sanderson per definire tutte queste masse "misteriose" e spesso dimenticato: globster. : Wink :

Incredibile comunque che nell'era di Internet, dove le informazioni su globster del genere sono facilmente disponibili a chiunque con uno smartphone (anche non avanzato : Wink : ) ed in numerosi linguaggi, ci sia ancora chi li considera più di semplici curiosità naturalistiche.

Una nota finale: ma una cosa così maleodorante perché tirarla a riva? : Eeek :
Non era meglio rimorchiarla al largo? : Chessygrin :
#5601
Aggiungo una cosa che mi è saltata in mente ieri sera: se proprio proprio volevano fare lo "scoop" a Febbraio nelle Filippine (isola di Negros) è stato ripreso il 64° esemplare noto di squalo megamouth (Megachasma pelagios).
Almeno non avrebbero fatto la figura dei tontoloni a bocca spalancata. : Wink :
#5602
Leggermente OT - e me ne scuso- partendo dal megamouth sono giunto allo squalo dal collare. Quanti possono essere i miti di serpenti (osimili) riconducibili a questo squalo (o a suoi parenti più grandi sconsociuti/estinti)?
Ma sopratutto mi chiedo come mai abbia una distribuzione così frammentaria.
#5603
SteT ha scritto:
18/05/2018, 13:31
Leggermente OT - e me ne scuso- partendo dal megamouth sono giunto allo squalo dal collare. Quanti possono essere i miti di serpenti (osimili) riconducibili a questo squalo (o a suoi parenti più grandi sconsociuti/estinti)?
Ma sopratutto mi chiedo come mai abbia una distribuzione così frammentaria.
Lo squalo dal collare (Chlamydoselacus anguineus) è specializzato nel colonizzare alcuni ambienti molto particolari ai confini delle piattaforme continentali ed è, a quanto pare, una specie di origine molto recente (Pleistocene) quindi si può tranquillamente ipotizzare o che sia più diffuso di quello che sembra ma, molto semplicemente, visto l'ambiente dove vive sia raramente osservato, o che abbia una metodologia particolarmente efficiente di dispersione per colonizzare gli ambienti per cui è ottimizzato. Le due ipotesi non sono mutualmente esclusive, anzi.
Purtroppo, come detto, vive in ambienti che rendono lostudio del suo comportamento molto difficoltoso.

Per quanto riguarda miti e leggende... questo squalo è noto da lungo tempo ai pescatori giapponesi che non lo considerano nulla più di un occasionale fastidio poiché può rovinare le reti, ma non vi è alcun interesse nel pescarlo anche perché il suo valore commerciale è più o meno zero.
Visti gli ambienti dove questo squalo vive e le sue limitatissime interazioni con gli umani direi che la possibilità che abbia ingenerato miti e leggende è più o meno pari al suo valore commerciale. : Wink :
#5604
Mauro ha scritto:
16/05/2018, 9:38
Più che "mostro" userei il vecchio termine coniato da Ivan Sanderson per definire tutte queste masse "misteriose" e spesso dimenticato: globster. : Wink :

Incredibile comunque che nell'era di Internet, dove le informazioni su globster del genere sono facilmente disponibili a chiunque con uno smartphone (anche non avanzato : Wink : ) ed in numerosi linguaggi, ci sia ancora chi li considera più di semplici curiosità naturalistiche.

Una nota finale: ma una cosa così maleodorante perché tirarla a riva? : Eeek :
Non era meglio rimorchiarla al largo? : Chessygrin :
Forse è meglio non far circolare troppo certi termini fra i non addetti ai lavori: hai visto mai che fra qualche tempo qualche buontempone convinto di fare lo "sgub" si mette a titolare che "si è arenato il blob", ingenerando nei lettori la convinzione che si tratti del gelatinone protagonista dell'omonimo franchise cinematografico?
#5605
Fuori dagli amanti di un certo genere cinematografico il termine "blob" penso non abbia tutta questa risonanza.
A meno che ovviamente non abbiano fatto l'ennesimo remake ("There are no more tales to be told/no more tales from battles of old/now it seems our journey has come to an end/we are scraping the barrel my friend") che ha battuto tutti i record d'incassi perché ogni anno i biglietti del cinema hanno aumenti stratosferici.
Divagazione per divagazione, se i prezzi fossero aggiustati solo con i dati ufficiali dell'inflazione, ben inferiori agli aumenti dei biglietti di cinema e spettacoli (almeno nella UE e negli USA), il buon vecchio Jurassic Park sarebbe ancora l'intoccabile campione d'incassi. : Wink :
#5607
Sante parole! Jurassic Park non lo batte nessuno! : Love : Altro che Avengers, Justice League e compagnia bella... : Thumbup :